Posts Tagged 'covid19'

L’amore ai tempi della quarantena 
Messaggio SNR#0 ai Giocatori.



Per sviluppare stati dell’essere luminosi in questo momento delle nostre vite che ci vede tutti reclusi in casa, accolgo un invito di alcuni Giocatori veterani e della mia compagna Marylène.
In sette post consecutivi, per ciascun Livello del GdE, metterò in luce alcuni elementi per coltivare la centratura e il principio interiore. Per non cadere preda di paura, angoscia e depressione alimentate anche dal rumore che quotidianamente ci inonda la casa. Per portare quella serenità, equanimità e benevolenza che consentono di vivere questi giorni di clausura come un ritiro spirituale e che consentiranno, quando potremo nuovamente uscire, di aprirci al mondo rigenerati interiormente e collettivamente. In solidarietà autentica.
Ogni post sarà un SNR, Signal to Noise Ratio: un rapporto segnale/rumore che mette in relazione la potenza del segnale utile rispetto a quella del rumore in qualsiasi sistema di acquisizione, elaborazione o trasmissione dell’informazione.
Per aumentare il segnale e cancellare il rumore.
Per non perdere il contatto con tutto ciò che può farci capire la differenza tra giusto e sbagliato.
Per non fare colare a picco nella notte tutte le cose belle e luminose.
Per trovare nel nostro cuore un modo per dare un nuovo inizio.
Ripeto: Per aumentare il segnale e cancellare il rumore .

Per chi ama approfondire il senso di tutto ciò, troverà sul mio canale Youtube un video dal titolo “Ciò che dai ti appartiene, ciò che tieni è perso per sempre”, accompagnato a un certo punto dall’usignolo del paradiso. Buone Visioni!
https://youtu.be/PDnbAHld7kk

Ricevi e trasmetti!
Il Vs. affezionato agente di Viaggio, Gianluca Magi
www.incognita.online

GdE InterVirtualConnections


quadrato-per-frasi-GdE

In questo periodo duro per tutti è fonte di viva Gioia vedere come l’invisibile filo d’oro della rete umana dei GdE Players, tessuto in questi dieci anni, stia funzionando con la spontaneità vitale tanto cara al Taoismo.
I Giocatori s’incontrano virtualmente, grazie ai gruppi segreti Facebook, tutti insieme per giocare il GdE, stare vicini in forma telematica, immaginare, conversare solidalmente e vedere due film ad hoc.
Non c’è bisogno di mie sollecitazioni in tal senso. Tutto funziona per moto spontaneo.
È la strategia della spontaneità. Di cui parlava nel 2004, nel programma televisivo “Bitte, keine Réclame” di Franco Battiato, un giovane docente universitario di Filosofie cinesi, oggi irriconoscibile:
https://www.youtube.com/watch?v=ZuFFoPkVBN0
Sull’onda lunga di Zhuangzi, è straordinariamente bello, da vera commozione!, vedere collegati spontaneamente i Cuori e le Menti dei Giocatori.
È straordinariamente bello anche perché mi sgrava dalla detestabile figura di leader, che non sono mai stato, e, mi consente, avvolto da tanta gioiosa vitalità, di restare immerso nella scrittura di un libro di cui ora sto intravvedendo quella boa che presto girerò.
GdE Players – lasciatemelo dire – siete dei Grandi!
Stima totale a Voi!
Mi fate sentire come la signora del primo film che avete visto: «Siamo nati per osservare e ascoltare questo mondo e solo così, anche senza dover riuscire nella vita, possiamo trovare, possiamo davvero trovare un senso alla nostra esistenza».
Evviva a Voi!
GM
www.incognita.online

Le armi magiche della Cina


quadrato-per-frasi-GdE

Le armi magiche della Cina” titolano oggi i quotidiani l’uscita dal picco di Corona virus in Cina e l’ingresso alla fase degli aiuti all’Italia.
È il passaggio dalla modalità difensiva a quella propositiva, per riscrivere lo storytelling della crisi mondiale e per affermare il modello cinese che vince contro il virus. E non solo.
È una delle tre «Armi magiche» cinesi in azione.
Xi Jinping, il Segretario generale del Partito Comunista Cinese, riprende la strategia di propaganda esterna di Mao negli anni Trenta, “Far servire la Cina dagli stranieri”. E la rafforza a livelli mai visti prima.
A cosa mira tale strategia?
Mira ad aumentare la propaganda al fine di migliorare in tutti i modi l’immagine internazionale della Cina, utilizzando i mezzi stessi del sistema avversario da combattere.
Il controllo delle informazioni nella sfera interna cinese e nel modo in cui i media internazionali commentano la Cina sono per Xi Jinping di importanza cruciale sin dal suo insediamento nel 2012 (vedi il “Document 9“).
È «la guerra globale dell’informazione», come definita dagli organi di stampa cinesi, volta a far sì che siano gli stranieri stessi a servire la Cina attraverso la sua politica globale di comunicazione strategica che punta a influenzare la percezione internazionale sulla Cina.
Applicando simultaneamente il primo dei 36 stratagemmiAttraversare il mare per ingannare il cielo” e il quattordicesimo stratagemma “Prendere a prestito un cadavere per rifondervi lo spirito”, la Cina ha stabilito accordi strategici con giornali stranieri, stazioni televisive e radiofoniche, fornendo loro contenuti gratuiti nella linea autorizzata dal Partito Comunista Cinese per tutte le notizie relative alla Cina.
Esempi di tali partenariati sono quelli stipulati dal quotidiano in lingua inglese China Daily con almeno trenta quotidiani stranieri (tra cui il New York Times, il Wall Street Journal, il Washington Post e lo UK Telegraph) per portare inserti di quattro o otto pagine chiamate China Watch, con titoli del tipo “40 anni di brillanti successi nel Tibet”.
Oppure gli accordi stretti tra Il Sole 24 Ore e il China Economic Daily, quotidiano di riferimento per l’informazione economica del governo cinese. Oppure tra l’agenzia di Stato cinese Xinhua e l’ANSA. Oppure gli accordi tra il China Media Group (subordinato al Consiglio di Stato cinese e sotto la direzione del Dipartimento per la Comunicazione Politica del Comitato Centrale del Pcc) e Rai, Mediaset e Class Editori.
In questo modo la macchina di propaganda cinese penetra nei media italiani e internazionali e riscrive la narrazione mondiale. Anche attraverso il modello cinese che vince contro il virus.
Consideriamo a fondo questo principio: l’immaginazione e la magia – che oggi preferiamo chiamare “tecniche psicosociologiche” – possono ahinoi! essere utilizzate per esercitare l’egemonia internazionale d’immagine ed economica, infischiandosene altamente del ‘principio interiore’ che sta tanto a cuore a noi Giocatori del Gioco dell’Eroe e agli amici d’Incognita.
Approfondirò questo tema cruciale per il XXI secolo nel mio seminario del 18 ottobre a Incognita (Pesaro) per la ‘AC Mind School’ che dirigo con la prof.ssa Grazia Marchianò.
Nel frattempo consiglio la lettura del mio libro 36 stratagemmi. L’arte segreta della strategia cinese, BestBUR.

Gianluca Magi
www.incognita.online

 

Lettera agli amici di INCOGNITA, 7 marzo 2020


Incognita-Mind-School-FB-Lettera-7-marzoB

Amici carissimi e compagni di avventura di INCOGNITA,
siamo evidentemente tutti rattristati per la situazione in generale e per l’incontro forzatamente mancato, il 7 e l’8 marzo, del primo ciclo dei seminari 2020.
Fino all’ultimo si è tentato di scongiurarne la sospensione temporanea e Gianluca ed io, assieme al Gruppo di lavoro a Pesaro, siamo grati ai due valenti relatori, il grecista Angelo Tonelli e il musicologo e compositore Nicola Cisternino della loro determinazione a mettersi in viaggio comunque e nonostante. Siamo certi che i loro splendidi contributi potranno essere tesoreggiati non appena i tempi saranno tornati normali.

La sfida di INCOGNITA è nota a tutti Voi: aprire gli occhi, la mente e il cuore su quanto di sublime, profondo, ispirante e creativo l’ingegno umano ha sedimentato dalla notte dei tempi, facendocene oggi consapevoli testimoni e partecipi attori.
Si tratta di una vera SFIDA perché le forze che le remano contro sono potenti, insidiose e realmente <virali> fuori e dentro di noi. Il piccolo, prezioso insegnamento che si è tratto finora dai nostri precedenti incontri: la nostra stella polare, è appunto l’appello a coltivare incessantemente l’ORTO INTERIORE.
Sul pianeta visibile ci sono montagne, ghiacciai, vulcani, oceani, deserti, fiumi, valli coltivate, luoghi orridi o meravigliosi, inospitali o accoglienti per miliardi di individui che dalla notte dei tempi assaporano tormenti spesso immani e gioie fugaci nel ciclo perenne di nascita e morte. Disperazione, rimpianti, nostalgie, recriminazioni, prevaricazioni, l’intera gamma dell’umano sentire proviene dall’interno, da quell’orto interiore che, accecati dalle lusinghe dell”esterno’, trascuriamo di coltivare, dimentichi perfino che esista.

Uno dei maggiori pericoli odierni che siamo chiamati a sventare con umile ma convinta determinazione è la dimenticanza del principio interiore, <il pianeta invisibile> al quale dobbiamo restare ancorati con la tenacia selvaggia del neonato al seno materno.
Qualcuno, secoli fa, dichiarò che il dolore esiste, ne additò la causa intrinseca e ammaestrò a fronteggiarlo con le <proprie> forze nel regime di impermanenza al quale tutto è sottoposto nel mondo della vita. Se attingiamo a questo insegnamento lucidissimo, pragmatico, oggettivo e lo facciamo nostro non perché è annoverato come un credo “religioso”, “spirituale” o “mistico” ma perché ci provvede la salda bussola per navigare nell’incertezza, sapremo affrontare e superare i contingenti e futuri incagli sviluppando benevolenza e compassione verso noi stessi, chi ci è vicino e all’altro capo del mondo indifferentemente.

Reimpariamo a resistere, a pazientare, perché non c’è disgrazia che non possa divenire, dentro di noi, un’occasione di risveglio.
Arrivederci presto, cari compagni di avventura.
Un abbraccio di cuore,

Grazia Marchianò e Gianluca Magi.
www.incognita.online


Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: