Archive for the 'Montagna Sacra' Category

Chi è spaventato di spiegare le vele e catturare il vento se ne stia alla larga dal Gioco dell’Eroe!


gioco-eroe-montagna-sacra

Quella di domenica 10 a Brescia sarà un viaggio, o meglio, una spedizione in cerca dell’ultimo rappresentante dell’antico ordine degli Eroi del Gioco e della sua filosofia evolutiva. Incontreremo lungo il cammino in diversi luoghi ignoti del pianeta, vari personaggi straordinari, tra i quali il vecchissimo allievo del maestro che consegnò a Gurdjieff e compagni (“I Cercatori di verità”) alcuni insegnamenti esoterici poi utilizzati dal baffuto Maestro di Danza caucasico.
Vi confesso che questa spedizione verso la Montagna Sacra non è adatta a tutti!
Chi non sente l’ebbrezza dell’ignoto, chi teme di uscire dalla consuetudine e dal calduccio confortante del banale, chi ha paura di abbandonare il suo porto sicuro nel quale è stato ancorato da quando nacque, chi è spaventato di spiegare le vele e catturare il vento è bene che se ne stia alla larga da questo Gioco!: questo Gioco è per chi ama gli spazi aperti dell’Oceano e non quelli angusti della riva.
Distinti saluti dal vostro affettuoso Agente di Viaggio!
Gianluca Magi
iscrizione per l’ultimo posto disponibile: barbarabagnoli73@libero.it

p.s. vi regalo, per capirci, questa storiella tratta dal mio libro “Il dito e la luna”, Il Punto d’Incontro, pag. 107.
IL RICORDO DI SÉ
«Fin dalla mia infanzia», raccontò un maestro sufi[1] ai suoi allievi che avevano chiesto informazioni sulla sua vita, «ero considerato una specie di disadattato. Quando parlavo nessuno sembrava capirmi, compreso mio padre, che non mi considerava abbastanza folle da rinchiudermi in manicomio, né abbastanza raccolto in me stesso per spedirmi in monastero. Era disperato per la sorte che mi attendeva. Io allora gli raccontai ciò a cui un giorno avevo assistito:
“Qualcuno aveva messo un uovo di anatra sotto una gallina. Il pennuto se ne prese cura e la covò assieme alle altre sue uova. Dopo qualche tempo ne nacque un anatroccolo che accompagnava la madre gallina ovunque si recasse. Un giorno la seguì sino alla riva di un laghetto. Subito l’anatroccolo sentì come risuonare qualcosa dentro sé e si tuffò in acqua. La madre gallina cominciò a starnazzare disperata sulla sponda del laghetto. Ma l’anatroccolo ormai nuotava liberamente in quello che era il suo habitat”.
Così, risposi a mio padre preoccupato, ero entrato nell’Oceano, mentre lui aveva preferito restare per sempre sulla riva».
[1] Si tratta del maestro persiano Shams Tabrizi. Dopo diversi anni durante i quali fu il maestro spirituale di Jalaluddin Rumi a Konya (Turchia), scomparve misteriosamente nel 1247 e nessuno ne seppe più nulla. A quella scomparsa Rumi diede voce al proprio dolore in circa 30.000 versi ispirati.

PROSSIMI APPUNTAMENTI CON GIANLUCA MAGI:
(per informazioni più dettagliate su questi corsi CLICCA QUI):

10 novembre – BRESCIA
IL GIOCO DELL’EROE – 1° LIVELLO

17 Novembre – PERUGIA
IL GIOCO DELL’EROE – 1° LIVELLO

24 Novembre – TERAMO
IL GIOCO DELL’EROE – 2° LIVELLO
(aperto esclusivamente a chi ha partecipato al primo livello)
1 Dicembre – VERONA
IL GIOCO DELL’EROE – 1° LIVELLO

Per essere aggiornato su tutte le novità del GdE e/o scaricare gratuitamente 2 e-book di Gianluca Magi CLICCA QUI.

Iscriviti alla pagina ufficiale di Facebook IL GIOCO DELL’EROE

Leggi: Opinioni, Commenti, Feedbacks & etc. sul Gioco dell’Eroe

Per acquistare il libro/audio Cd Il Gioco dell’Eroe con il 15 % di sconto.

VIDEO:

Annunci

Categorie

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: