Archive for the 'Mente connettiva' Category

Illusione ottica della coscienza


quadrato-per-frasi-GdE

 

Einstein era a Princeton. Aveva 70 anni. Ricevette una lettera di un rabbino. Spiegava di aver cercato invano di consolare la figlia diciannovenne per la morte di sua sorella, «una bambina senza peccato, bella e sedicenne».
La lettera di risposta che Einstein gli scrisse è di bellezza adamantina. Degna di Padmasambhava.
Ve la traduco traendola dall’articolo di Walter Sullivan “The Einstein Papers: A Man of Many Parts” (in: «The New York Times», 29 marzo 1972):

«Un essere umano è una parte, limitata nel tempo e nello spazio, di quel tutto che chiamiamo “Universo”.
Un essere umano sperimenta se stesso, i suoi pensieri e i suoi sentimenti come qualcosa di separato dal resto: una sorta di illusione ottica della sua coscienza.
Tale illusione è per noi una specie di prigione, che ci vincola ai nostri desideri personali e all’affetto verso alcune persone particolarmente a noi vicine.
Il nostro compito dev’essere di liberarci dalla prigione ampliando il nostro raggio di compassione fino ad abbracciare tutte le creature viventi e l’intero complesso della natura nella sua bellezza».

A Princeton, sei anni dopo, il 18 aprile 1955, Einstein morì.
Sino alla fine fu irremovibile: non volle un’esposizione pubblica e chiese di essere cremato senza alcuna cerimonia.
Le sue ceneri furono disperse in un luogo mai reso noto.- Albert Einstein. Per “Il Gioco dell’Eroe” – Livello 6
Qui il GdE pubblico: https://amzn.to/2TzCuNB
Con Presentazione di Franco Battiato.
www.incognita.online

WOOD-WIDE WEB e Mente umana


quadrato-per-frasi-GdE

Gli scienziati della University of British Columbia fecero questo esperimento: iniettarono isotopi di carbonio radioattivo in alcuni abeti. Poi seguirono la loro diffusione nella comunità arborea della foresta usando metodi di rilevamento, compreso un contatore Geiger.
Nell’arco di qualche giorno riserve di carbonio radioattivo erano passate da un albero all’altro. In un’area di trenta metri quadrati ogni albero era connesso alla rete; i più vecchi funzionavano da hub, e alcuni arrivavano a ben quarantasette connessioni.
Il diagramma della rete della foresta somigliava a una sorprendente mappa di internet: un wood-wide web.

Altri esperimenti, questa volta con i mixomiceti, i «funghi mucillaginosi», hanno dimostrato che questi organismi sono in grado di orientarsi all’interno di labirinti percependo la localizzazione del nutrimento e crescendo in quella direzione. In una foresta, i miceli fungini connettono gli alberi che la costituiscono, attraverso le radici, non soltanto fornendo loro nutrienti, ma servendo da mezzo per trasmettere informazioni sulle minacce ambientali e permettere agli alberi di inviare sostanze nutrienti selettivamente ad altri alberi.

Nel corso degli anni, abbiamo appurato che questo sorprendente tipo di comunicazione a rete naturale si crea tra le menti dei Giocatori del “Gioco dell’Eroe”. Non solo tra le coscienze dei Giocatori del singolo Circolo di appartenenza, ma tra i Giocatori di tutti i Circoli attivi e operativi in Italia; anche tra i Giocatori che non si sono mai fisicamente incontrati.
Questo potrebbe significare che la coscienza è una proprietà dell’universo, non del cervello.
Il filosofo francese Henri Bergson concepiva la mente umana come una sorta di radioricevente, in grado di sintonizzarsi su frequenze di energia e informazione esistenti fuori di essa. Come dire: se tu volessi trovare il tizio che ha letto il notiziario ieri sera, non andresti a cercarlo dentro al televisore. Come il cervello umano, il televisore è necessario, ma non sufficiente.
Insomma, c’è una rete naturale connettiva che è possibile attivare, cablare. Per nuovi possibili futuri. Oltre gli orizzonti noti.
Evviva!
Gianluca Magi per “Gioco dell’Eroe” – Livello 2.
Qui il Livello 1 del GdE: https://amzn.to/2TzCuNB Con Presentazione di Franco Battiato.
www.incognita.online

Innovazione cognitiva creativa e mente connettiva


Magi-Innovazione

Oggi, scimmiottare qualcosa di già preesistente ha l’unica possibilità di scomparire nel breve più che medio termine.

Coltivare e proporre ciò che non assomiglia a niente, connettendo le diverse sfere cognitive, che ancora non esiste – seguendo e condividendo la propria strada e facendo ciò che autenticamente ci rappresenta – è lo slancio vincente.

Questo è lo scenario futuro che vedo e annuso nell’aria (valido non solo per i Millennials).

Prossimi appuntamenti:
20 Maggio Pesaro (Incognita): Gianluca Magi – GdE3 Reprise
Info e iscrizioni: 339.7450313; lauracasadei@yahoo.it

27 Maggio Bergamo: Gianluca Magi – Gioco dell’Eroe
Info e iscrizioni: https://www.facebook.com/events/160376008081787/

1-3 Giugno: GdE INTERaCTIONS – Gianluca Magi – Cagliari
Info e iscrizioni: https://www.facebook.com/events/1503985842982698/

24 Giugno: GdE7 – Gianluca Magi – “Incognita” Pesaro
Possono prendervi parte solo i Giocatori che hanno attraversato i precedenti sei territori della Mente.

8-9 Settembre: Incognita Summer School – Grazia Marchianò e Gianluca Magi – Pesaro
La Summer School è a numero chiuso e a posti limitati.
Info e iscrizioni: www.incognita.online

Evviva!
Gianluca Magi
www.incognita.online

ISCRIVITI al mio canale Youtube: you’ll find out Good Visions!

ISCRIVITI alla mia pagina Facebook

I MIEI LIBRI


Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: