Archive for the 'Magia' Category

Ioan Petru Culianu. Argonauta della 4a dimensione


Trent’anni fa, il 21 maggio 1991, si concludeva tragicamente l’esistenza terrena del professor Ioan Petru Culianu, assassinato in modo vile all’età di 41 anni, all’interno dell’Università di Chicago dove insegnava — crimine tuttora senza colpevoli.

Rumeno di nascita, cittadino del mondo e del mundus imaginalis, Ioan Petru Culianu è stato un brillantissimo studioso delle religioni, esperto di gnosticismo e magia rinascimentale. In pochi anni di frenetico lavoro divenne un autore affermato, stimato per la quantità e l’originalità delle sue pubblicazioni, nonché per la vastità di orizzonti del suo pensiero. Armato di straordinaria erudizione e intelletto mercuriale, si è mosso con destrezza in ambiti disciplinari distanti tra loro, riuscendo a fare dialogare storia delle religioni ed etnografia, critica letteraria e teoria della relatività, storiografia e cibernetica. La sua carriera accademica raggiunse l’apice alla prestigiosa Divinity School di Chicago, dove insegnò dal 1986 fino alla prematura scomparsa nel 1991. Ancora oggi, i suoi scritti restano riferimenti imprescindibili nella storia del sacro e delle sue implicazioni teologiche, metafisiche, sociologiche, cognitive.

Uno dei temi ricorrenti dell’opera di Culianu è l’importanza dell’Immaginario e del suo potenziale rispetto alla configurazione della realtà. Con esattezza archeologica ha ricostruito le vicissitudini storiche che hanno portato ad una mutazione dell’Immaginario nel passaggio dalla società rinascimentale basata sulla magia, alla società moderna basata su un’ideologia scientifica. Affrancando la magia dalle intepretazioni “primitive” tipiche di una certa tradizione antropologica ed etnologica, Culianu l’ha restitiuta alla sua dimensione cognitiva principale: la magia è uno strumento di conoscenza, una tecnica di investigazione del mondo e di se stessi, capace di dare forma alla realtà. Illuminante, a riguardo, un frammento dal celebre Eros e magia nel Rinascimento:

«Hanno avuto torto gli storici nel concludere che la magia sia scomparsa con l’avvento della ‘scienza quantitativa’. Quest’ultima si è semplicemente sostituita ad una parte della magia, continuandone i suoi sogni e scopi attraverso le risorse della tecnologia. L’elettricità, i mezzi di trasporto veloci, la radio e la televisione, l’aereo, il computer hanno solo realizzato delle promesse che la magia aveva formulato per prima, e che rientravano nell’arsenale dei procedimenti soprannaturali del mago: produrre la luce, spostarsi istantaneamente da un luogo all’altro, comunicare con remote regioni dello spazio, volare nell’aria e disporre di una memoria infallibile. La tecnologia, si può ben dirlo, è una forma di magia democratica, che permette a chiunque di godere delle facoltà straordinarie di cui si vantava il mago».

La magia, dunque, non è mai scomparsa, ha solo cambiato forma. E il ruolo del mago, grazie al sapiente uso dell’Immaginazione, è quello di accedere allo “spazio mentale” — un Altrove parallelo e infinito, di valore ontologico pari alla realtà consensuale — e riportare sulla Terra ciò che ha visto e appreso. Forte della consapevolezza delle leggi di interdipendenza e interferenza che esistono tra mondi paralleli e coesistenti, il mago è in grado di riprogrammare la realtà, operando cambiamenti in linea col proprio volere.

Contrappunto della rigorosa attività scientifica è stata la sua produzione narrativa — provocatoria e ricca di suggestioni. Con l’estro e la vivacità di un trickster intento a “iocari serio“, Culianu ha disegnato labirinti interdimensionali, dove i concetti ordinari di spazio e tempo diventano elastici ed evanescenti, e la linea di demarcazione tra realtà e finzione è molto meno netta di quanto faccia comodo credere.

In occasione del trentennale dalla scomparsa, la rivista Antarès dedica allo studioso il numero monografico Ioan Petru Culianu. Argonauta della Quarta Dimensione: https://bit.ly/3fDcjPP
Frutto della dedizione di Horia Corneliu Cicortaș, Roberta Moretti e Andrea Scarabelli, con un’introduzione della Prof.ssa Grazia Marchianò, il volume raccoglie scritti inediti di Culianu, saggi e approfondimenti sulla sua opera, testimonianze di amici e colleghi, carteggi e interviste. Una pubblicazione che celebra l’opera di uno studioso dalle molteplici latitudini, il cui spirito è ancora vivo e il cui pensiero è ancora vibrante. Che sia anche un invito per le nuove generazioni di esploratori della conoscenza, a proseguire quei viaggi nel mundus imaginalis di cui Ioan Petru Culianu è stato pioniere e apripista.

Le armi magiche della Cina


quadrato-per-frasi-GdE

Le armi magiche della Cina” titolano oggi i quotidiani l’uscita dal picco di Corona virus in Cina e l’ingresso alla fase degli aiuti all’Italia.
È il passaggio dalla modalità difensiva a quella propositiva, per riscrivere lo storytelling della crisi mondiale e per affermare il modello cinese che vince contro il virus. E non solo.
È una delle tre «Armi magiche» cinesi in azione.
Xi Jinping, il Segretario generale del Partito Comunista Cinese, riprende la strategia di propaganda esterna di Mao negli anni Trenta, “Far servire la Cina dagli stranieri”. E la rafforza a livelli mai visti prima.
A cosa mira tale strategia?
Mira ad aumentare la propaganda al fine di migliorare in tutti i modi l’immagine internazionale della Cina, utilizzando i mezzi stessi del sistema avversario da combattere.
Il controllo delle informazioni nella sfera interna cinese e nel modo in cui i media internazionali commentano la Cina sono per Xi Jinping di importanza cruciale sin dal suo insediamento nel 2012 (vedi il “Document 9“).
È «la guerra globale dell’informazione», come definita dagli organi di stampa cinesi, volta a far sì che siano gli stranieri stessi a servire la Cina attraverso la sua politica globale di comunicazione strategica che punta a influenzare la percezione internazionale sulla Cina.
Applicando simultaneamente il primo dei 36 stratagemmiAttraversare il mare per ingannare il cielo” e il quattordicesimo stratagemma “Prendere a prestito un cadavere per rifondervi lo spirito”, la Cina ha stabilito accordi strategici con giornali stranieri, stazioni televisive e radiofoniche, fornendo loro contenuti gratuiti nella linea autorizzata dal Partito Comunista Cinese per tutte le notizie relative alla Cina.
Esempi di tali partenariati sono quelli stipulati dal quotidiano in lingua inglese China Daily con almeno trenta quotidiani stranieri (tra cui il New York Times, il Wall Street Journal, il Washington Post e lo UK Telegraph) per portare inserti di quattro o otto pagine chiamate China Watch, con titoli del tipo “40 anni di brillanti successi nel Tibet”.
Oppure gli accordi stretti tra Il Sole 24 Ore e il China Economic Daily, quotidiano di riferimento per l’informazione economica del governo cinese. Oppure tra l’agenzia di Stato cinese Xinhua e l’ANSA. Oppure gli accordi tra il China Media Group (subordinato al Consiglio di Stato cinese e sotto la direzione del Dipartimento per la Comunicazione Politica del Comitato Centrale del Pcc) e Rai, Mediaset e Class Editori.
In questo modo la macchina di propaganda cinese penetra nei media italiani e internazionali e riscrive la narrazione mondiale. Anche attraverso il modello cinese che vince contro il virus.
Consideriamo a fondo questo principio: l’immaginazione e la magia – che oggi preferiamo chiamare “tecniche psicosociologiche” – possono ahinoi! essere utilizzate per esercitare l’egemonia internazionale d’immagine ed economica, infischiandosene altamente del ‘principio interiore’ che sta tanto a cuore a noi Giocatori del Gioco dell’Eroe e agli amici d’Incognita.
Approfondirò questo tema cruciale per il XXI secolo nel mio seminario del 18 ottobre a Incognita (Pesaro) per la ‘AC Mind School’ che dirigo con la prof.ssa Grazia Marchianò.
Nel frattempo consiglio la lettura del mio libro 36 stratagemmi. L’arte segreta della strategia cinese, BestBUR.

Gianluca Magi
www.incognita.online

 

Gianluca Magi 18 ottobre 2020 alla AC Mind School – Incognita (Pesaro)


76952114_2180634968703712_4167564899414704128_o

 

– Ultimi 4 posti –
Pesaro 18 Ottobre 2020 (ore 9-14)
HOMO IMAGINANS. Strategie dell’Immaginazione.
Gianluca Magi

Il Seminario si svolgerà a PESARO, presso la sede di INCOGNITA.
info e iscrizioni: incognitamind2020@gmail.com – 340.3820327
www.incognita.online/iniziative_acmindschool_2020.html

PROGRAMMA DEL SEMINARIO:
«L’Immaginazione è l’inizio della creazione. Prima immagini ciò che desideri. Poi vuoi ciò che immagini. E alla fine crei ciò che vuoi».
George Bernard Shaw

Le possibilità offerte dall’Immaginazione umana sono pressoché infinite, in quanto il nostro spazio mentale è pluridimensionale e non sottoposto alle stesse leggi che regolano lo spazio esterno che ci circonda.
Ciò nonostante, di tutte le facoltà umane, la meno valorizzata è proprio l’Immaginazione. E questo è un problema da non sottostimare, perché l’uso sistematico dell’Immaginazione oggi, e ancor più nel futuro alle porte, è indispensabile non solo per l’accrescimento della conoscenza, ma anche per salvarci dalle apparenze, dal caos, dalla stupidità e dall’assoggettamento.
Privi d’Immaginazione siamo totalmente prevedibili. Fattore non trascurabile, se pensiamo che in generale il successo di un’impresa umana è inversamente proporzionale alla sua prevedibilità.
Il viaggio prenderà le mosse dalla Rivoluzione cognitiva inaugurata 70.000 anni fa, allorché i Sapiens cominciarono a parlare di cose che esistevano soltanto nella loro Immaginazione.
La nostra esplorazione attraverserà gli snodi di questo vettore/fattore antropologico della creatività umana capace di attraversare la storia delle idee: dalla magia antica e rinascimentale alla tradizione alchemica, dalla scienza, fantascienza all’Immaginazione poetica e narrativa.
Il viaggio – che farà tesoro anche dei molteplici input giunti, su questi fronti, dal pensiero orientale (Persia, India, Cina, Tibet, Giappone) – giungerà sino all’attuale scenario politico internazionale, alla capacità di alterare il reale, generare strategie di consenso e di manipolazione attraverso l’Immaginazione o l’uso dei simboli della memetica sul web, che proseguono il lavoro dell’Immaginazione e della magia con modalità e mezzi solo apparentemente diversi.

GIANLUCA MAGI:
Già docente di Storia e religioni in Cina, Sociologia della cultura indiana e Storia della filosofia all’Università di Urbino “Carlo Bo”, tra i più brillanti e accreditati studiosi di filosofie e psicologie orientali ed uno degli autori che ha maggiormente contribuito alla elaborazione teorico-pratica e alla diffusione della psicologia transpersonale in Italia, è autore di bestseller tradotti in 33 Paesi.
Ha fondato a Pesaro INCOGNITA – centro d’eccellenza transdisciplinare d’Immaginazione, Filosofie, Scienze e Arti – che dirige con Franco Battiato.
È direttore scientifico, con Grazia Marchianò, della AC MIND SCHOOL, prestigiosa Scuola all’avanguardia nella esplorazione e nello sviluppo delle potenzialità creative della mente.
Dal 2012 si dedica al Gioco dell’Eroe, un grande progetto di percorso evolutivo diffuso in numerose città italiane: bit.ly/gioco-dell-eroe

#GianlucaMagi #Immaginazione #Mente #Creatività #India #Cina #Tibet #Giappone #Persia #Filosofia #Psicologia #Antropologia #Sociologia #Scienza #Arte #Memetica #Meme #Magia #Alchimia #Web #Strategiediconsenso #Manipolazione #Incognita #MindSchool #Pesaro #PesaroUrbino #FrancoBattiato #GraziaMarchianò

Gianluca Magi : AC Mind School – Incognita [Pesaro] : 18 ottobre 2020


Gianluca Magi, già docente di Storia e religioni in Cina, Sociologia della cultura indiana e Storia della filosofia all’Università di Urbino “Carlo Bo”, tra i più brillanti e accreditati studiosi di filosofie e psicologie orientali ed uno degli autori che ha maggiormente contribuito alla elaborazione teorico-pratica e alla diffusione della psicologia transpersonale in Italia, è autore di bestseller tradotti in 33 Paesi.
Ha fondato a Pesaro “Incognita” – centro d’eccellenza transdisciplinare d’Immaginazione, Filosofie, Scienze e Arti – che dirige con Franco Battiato.
È direttore scientifico, con Grazia Marchianò, della “AC Mind School” presso “Incognita”.
Dal 2012 si dedica al Gioco dell’Eroe, un grande progetto di percorso evolutivo diffuso in numerose città italiane: bit.ly/gioco-dell-eroe

PROGRAMMAHomo Imaginans. Strategie dell’Immaginazione”:

«L’Immaginazione è l’inizio della creazione. Prima immagini ciò che desideri. Poi vuoi ciò che immagini. E alla fine crei ciò che vuoi».
George Bernard Shaw

Le possibilità offerte dall’Immaginazione umana sono pressoché infinite, in quanto il nostro spazio mentale è pluridimensionale e non sottoposto alle stesse leggi che regolano lo spazio esterno che ci circonda.
Ciò nonostante, di tutte le facoltà umane, la meno valorizzata è proprio l’Immaginazione. E questo è un problema da non sottostimare, perché l’uso sistematico dell’Immaginazione oggi, e ancor più nel futuro alle porte, è indispensabile non solo per l’accrescimento della conoscenza, ma anche per salvarci dalle apparenze, dal caos, dalla stupidità e dall’assoggettamento.
Privi d’Immaginazione siamo totalmente prevedibili. Fattore non trascurabile, se pensiamo che in generale il successo di un’impresa umana è inversamente proporzionale alla sua prevedibilità.
Il viaggio prenderà le mosse dalla Rivoluzione cognitiva inaugurata 70.000 anni fa, allorché i Sapiens cominciarono a parlare di cose che esistevano soltanto nella loro Immaginazione.
La nostra esplorazione attraverserà gli snodi di questo vettore/fattore antropologico della creatività umana capace di attraversare la storia delle idee: dalla magia antica e rinascimentale alla tradizione alchemica, dalla scienza, fantascienza all’Immaginazione poetica e narrativa.
Il viaggio – che farà tesoro anche dei molteplici input giunti, su questi fronti, dal pensiero orientale (Persia, India, Cina, Tibet, Giappone) – giungerà sino all’attuale scenario politico internazionale, alla capacità di alterare il reale, generare strategie di consenso e di manipolazione attraverso l’Immaginazione o l’uso dei simboli della memetica sul web, che proseguono il lavoro dell’Immaginazione e della magia con modalità e mezzi solo apparentemente diversi.

● Evento AC MIND SCHOOL: facebook.com/events/471932686766747/

● Gruppo AC MIND SCHOOL: facebook.com/groups/426488867441344/

● Segreteria Incognita – AC MIND SCHOOL:
⦿ incognitamind@gmail.com – www.incognita.online
⦿ 340.3820327 (per iscrizioni e organizzazione)
⦿ 347.7899647 (per gestione alloggi in strutture convenzionate con Incognita a tariffe scontate)

Magia spirituale


Gianluca-Magi

Io non sono superstizioso. Credo – per così dire – nella magia spirituale.
Ritengo che se segui quella che è la tua autentica felicità – ciò che senti realmente nel profondo e che sai essere la tua vita – le porte si apriranno.
È l’apriti sesamo!
Se a me e a molte altre persone che conosco è successo, allora può succedere a tanti altri.
Se lo si vuole davvero.

– Gianluca Magi, Gioco dell’Eroe

www.incognita.onlinewww.giocodelleroe.it

[Foto di: Fabio Costantino Macis]

www.incognita.online

ISCRIVITI al canale Youtube di Gianluca Magi: you’ll find out Good Visions!

ISCRIVITI alla mia Facebook del Gioco dell’Eroe

I MIEI LIBRI

Magia allo stato puro!


circolo-magico-logo-Bergamo-Brescia-Acqui-terme-GdE2
BERGAMO 1 FEBBRAIO

: Mirabile giornata del GdE Workshop 2° Level.
In realtà, non posso chiamarlo “workshop”, perché tutti i canoni formali di un workshop sono saltati.
È stato un incontro di Anime belle. Che si conoscono da esistenze precedenti?

Come i volatili in viaggio verso la Montagna Sacra in cerca del Simurg (cfr. il mio libro, Il dito e la luna, p. 69), ha preso avvio l’incorporazione delle forze sottili Alleate.
Confronto franco, trasparente, leale (non fedele: il GdE ama la lealtà non la fedeltà) che ti libra, per moto ascensionale, in zone sconosciute ai più.

Partecipante d’eccezione: un ragazzo di 13 anni, che meraviglia per la sua capacità di concentrazione e attenzione: complimenti ai suoi genitori (i docenti scolastici sono davvero fortunati ad averlo come allievo!).

Come per ogni cosa formidabile, il tempo è volato in un battibaleno, dilatandosi ben oltre i termini.
Se non fosse stato per l’abile driver (grazie!, caro Remo) che mi ha riaccompagnato alla stazione, avrei perso il treno di ritorno.

Un sentito ringraziamento a tutti, al Centro Yoga Bergamo per l’ospitalità e l’attenta partecipazione e a Valeria Trabattoni, per l’impeccabile e professionale organizzazione di questo indimenticabile Evento!
Bacio Magico!
Il Vs. affezionato agente di Viaggio,
Gianluca Magi
www.giocodelleroe.it

per informazioni e iscrizioni sui prossimi appuntamenti con Gianluca Magi

PADOVA 7 FEBBRAIO  Invito al Viaggio. Presentazione del Gioco dell’Eroe
PADOVA 8 FEBBRAIO  Workshop Gioco dell’Eroe 1° livello
: https://www.facebook.com/events/589136021220365/?pnref=lhc.recent
* Al Workshop di 2° livello del Gioco dell’Eroe può iscriversi chi ha partecipato ad uno dei Workshop di 1° livello svoltisi nelle varie città italiane.


☞ 
Caratteristiche per organizzare un Workshop del Gioco dell’Eroe nella propria città e dell’importanza dei Circoli Magici GdE

Per essere aggiornato su tutte le novità del GdE e/o scaricare gratuitamente 2 e-book di Gianluca Magi CLICCA QUI.

social_youtube

Iscriviti e guarda i filmati sul canale YOUTUBE di GIANLUCA MAGI

Altre informazioni: www.gianlucamagi.it/news.html

Segui IL GIOCO DELL’EROE su Facebook

Leggi: Opinioni, Commenti, Feedbacks & etc. sul Gioco dell’Eroe:
«Il Gioco dell’Eroe è un grande sasso gettato in un immobile stagno» – FRANCO BATTIATO

Da qui puoi acquistare tutti i libri di Gianluca Magi con il 15% di sconto e in formato Kindle (clicca sulla copertina):
19giocodelleroe31pUTTiXCuL  31lrAyUPOYL315nmquHqIL
312zZj0iVEL._31QF9WQVJrL._ 31pbww5dD-L._  41g6OHTqrEL._

Rimini: Domenica 2 febbraio: Workshop del GdE2: un gruppo di Maghi audaci…


Gioco Eroe 2

Rimini: Domenica 2 febbraio: Workshop del GdE2:
Un gruppo di Maghi audaci e tranquilli si è radunato e una giornata di pioggia torrenziale si è trasformata in una splendida giornata di Sole.
La sala irradiava della potenza della Primavera.
Grazie a tutti!
Fortunato chi c’era!
Evviva!
GIANLUCA MAGI
Vis nulla :: Visio tota ::  Spiritus indicat
(Nessuno sforzo, ma chiara visione di ciò che si vuole ottenere secondo le indicazioni dello spirito)

 

Da qui puoi acquistare il libro+CD “Il Gioco dell’Eroe” (Presentazione di FRANCO BATTIATO)
con il 15% di sconto: 12,67 euro anziché 14,90
:
19giocodelleroe

Seminari imminenti de IL GIOCO DELL’EROE: Percorso di Immaginazione Magica di GIANLUCA MAGI:
RIMINI 2 FEBBRAIO : GdE II° LIVELLO (aperto solo a chi ha frequentato il I° livello)
info: Francesco Mazzarini : framazza@hotmail.com
BOLOGNA 9 FEBBRAIO : GdE I° LIVELLO
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1422271624674811&set=a.1421650601403580.1073741828.1421638814738092&type=1&theater
info: simona@kebrilla.it – 338 5213787 – 339 7038399
LECCE 16 FEBBRAIO : GdE I° LIVELLO
https://www.facebook.com/events/713551061990395/
info: 327 84 10 807

Per essere aggiornato su tutte le novità del GdE e/o scaricare gratuitamente 2 e-book di Gianluca Magi CLICCA QUI.

Segui IL GIOCO DELL’EROE su Facebook

Leggi: Opinioni, Commenti, Feedbacks & etc. sul Gioco dell’Eroe

Da qui puoi acquistare tutti i libri di Gianluca Magi con il 15% di sconto e in formato Kindle (clicca sulla copertina):
31pUTTiXCuL  31lrAyUPOYL
315nmquHqIL312zZj0iVEL._  31QF9WQVJrL._31pbww5dD-L._  41g6OHTqrEL._

Guarda questi VIDEO:

Perle di Drago-Fenice al Circolo Magico del Gioco dell’Eroe di Rimini


Domenica 3 giugno i partecipanti (o Magico-Pneumonauti) saranno accolti da un tè al gelsomino speciale direttamente dall’OldMagio TeaPot Studio.
Il nome di queste gemme – Perle di Drago-Fenice – deriva dall’emblematica unione coniugale dei due animali magici.
Simbolo della perfezione dell’equilibrio, tra l’essenza maschile e femminile.

Nota per intenditori: Le nebbie montane delle province del Fujian e di Jiangxi proteggono e favoriscono il parto di questo tè sublime.
Tra aprile e maggio prende avvio la raccolta a mano dei più teneri germogli apicali primaverili.
Indi l’immagazzinamento in attesa del delicato schiocco serale agostano che annuncia lo sbocciare dei fiori più fini del bianco gelsomino.
Durante la notte ha luogo la raccolta.
Al mattino la selezione, allorché i piccolissimi petali sono strettamente chiusi.
Tenuti freddi sino al tramonto, ha luogo l’accoppiamento amoroso del gelsomino con le foglie di tè.
Tale amplesso vegetale può giungere sino a sette volte, ciascuna di quattro ore.
[ Pare che ci sappiano amorevolmente fare questo Drago e questa Fenice!  😉 ]
I petali di gelsomino vengono quindi rimossi e mani sapienti cominciano ad avvoltolare il germoglio e il foglio in piccolo perle.
Vengono così spostate in maglie di seta per asciugarsi e regolarne la foggia.
Pronte e giunte nell’acqua calda in teiera, le perle lentamente si squadernano rilasciando un’inebriante fragranza fresca e floreale, tingendo l’acqua dei limpidi toni della pesca.
Gustandolo, tensioni e affanni si alleviano.
Ci si rabbonisce. I nervi si calmano.
Quale migliore cordiale a introduzione nella Magica Mitosfera del Gioco dell’Eroe?

p.s.: domenica sarà al mio fianco il mio libro 64 Enigmi (Sperling & Kupfer).
Chi vorrà potrà lanciare per sei volte tre monete di epoca Song per consultare l’esagramma che emergerà: ciò servirà per autenticare/comprovare le indicazioni (su questioni che stanno a cuore) ricevute dall’Ospite invisibile durante il primo livello del Gioco con il responso dell’antico Oracolo cinese… Incredibili paralleli/sincronismi sono in attesa!

La conquista della potenza negata dell’occhio interiore


Poiché sin dall’infanzia ci hanno insegnato a considerare come una favoletta la realtà dell’occhio interiore, noi da adulti lo consideriamo una favoletta.

Facciamo un esempio: se fin dall’infanzia s’insegnasse a un bambino a dubitare dei propri sensi, questi s’indebolirebbero, appassirebbero.
Se gli s’insegnasse che non si possono vedere il cielo, i campi, i fiumi, le case e oggetti comuni e si impedisse a chiunque di distruggergli tale illusione, allora il senso visuale e la capacità di giudizio di quel bambino ne verrebbero seriamente compromessi.

Proprio in tal modo ci viene insegnato fin dalla più tenera età a negare la realtà e la potenza magica dell’occhio interiore, di cui l’occhio corporale non è che una timida immagine.
In pratica, ci viene insegnato che noi non siamo altro che corpi materiali. Come se si dicesse a un muratore che lui non è altro che la cazzuola di cui si serve.

«Il Gioco dell’Eroe è un invito diretto alla vita interiore» – FRANCO BATTIATO



Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: