Archive for the 'Ṛṣi' Category

Ramana Maharshi. La via del Sè


Il 14 aprile di settantuno anni fa, trasborda serenamente in un’altra dimensione dell’essere uno dei saggi più celebrati in India: Ramana Maharshi.
Tra dicembre 2019 e gennaio 2020 ne ho avuto conferma diretta nell’ultimo mio viaggio indiano: in Tamil Nadu, nell’India del Sud, torreggiano un po’ ovunque le immagini di questo insegnamento vivente, sous-entendu della vita spirituale indiana.

Sedicenne, Ramana sperimenta quello che oggi si chiama un violento “attacco di panico”.
Non di rado chi è predisposto al panico lo è anche all’estasi.
Ramana non si oppone alla sensazione di essere assai prossimo alla morte. La penetra invece sino alle radici. Ne riemergerà con la consapevolezza “Io Sono”, che precede la consapevolezza del mondo. La percezione di essere la vita stessa.
Oltre l’Io, il corpo e la mente.
È l’esperienza transpersonale diretta di ciò che l’Advaita Vedānta tesoreggia da secoli. L’essere oltre il dualismo e il non-dualismo. Il prendere dimora nella gioia del Sé.

Ramana si ritira a vita contemplativa in una grotta della montagna sacra Arunachala, nei pressi di Tiruvannamalai. Alle pendici di questa montagna, nel luogo che diverrà un ashram, vivrà poi il resto della sua esistenza. Egli è un Mahāṛṣi, un grande Ṛṣi, un reale portatore della saggezza perenne. Un Jivanmukta, un “liberato in vita”.

Nel susseguirsi degli anni, innumerevoli ricercatori spirituali gli faranno visita, per essere toccati dalla sua presenza. Tra le tante perle che regala:

«Aiuta te stesso e aiuterai il mondo, perché tu sei il mondo».

Che messaggio consegna a noi occidentali del XXI secolo?
Qualcosa di semplice e per questo difficile da trasferire nella realtà.
Possiamo fare qualcosa di utile nel luogo in cui viviamo e in cui conosciamo le persone e le loro condizioni di vita. Guardandoci attorno, l’occasione si mostrerà a questa nostra disposizione d’animo.
Ma l’inconscio, individuale o collettivo, può mettere il bastone tra le ruote, perché non vuole che le nostre energie vengano impegnate all’esterno. L’inconscio pone resistenza. E inganna in particolare chi ha bisogno d’aiuto, proprio di quell’aiuto che vorrebbe dispensare agli altri.
È necessario quindi, in primo luogo, portare ordine in se stessi, anziché addossare i propri difetti agli altri. Ma, la frequentazione dei social insegna che questo compito non è facile.A chi non è offerta alcuna reale possibilità di concedere il proprio aiuto, ciò significa che potrà prendersi cura del proprio giardino segreto. In un lago di collina non si può impedire all’acqua di tracimare. A valle, l’acqua che non scorre, stagna.
Non è impossibile porsi a un livello più elevato.

Il 14 aprile 1950 Ramana Maharshi trasborda serenamente in un’altra dimensione dell’essere.
Il celebre fotografo Henri Cartier-Bresson, che risiede nell’ashram, quella sera è testimone di un fenomeno paradigmatico. Una stella illumina il cielo con una scia simile a quella di una cometa. Solca lentamente il cielo. Si sofferma un po’ sulla cima del monte Arunachala. E vi scompare dietro.
Cartier-Bresson guarda l’orologio. Le 20:47.
Fa ritorno all’ashram. Qui apprende che Ramana Maharshi ha smesso di respirare. Alle 20:47.

Non di rado allorché una grande anima lascia il corpo, prendono vita fenomeni speciali.
Tracce dal corpo di arcobaleno. Per umani interiormente ridestati.


Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: