Il contrabbandiere


Ogni giorno un uomo attraversava la frontiera a dorso del suo mulo carico di una bisaccia traboccante di fieno.
Ogni volta che rincasava non mancava di dire agli ufficiali di dogana: «Io sono un contrabbandiere!»
Così, altrettanto immancabilmente, questi lo controllavano dalla testa ai piedi. Esaminavano accuratamente la bisaccia. E il loro zelo di perquisizione giunse al punto di bruciare il fieno, altre volte di ficcarlo in acqua per vedere se vi fosse nascosto qualcosa. Ma non riuscivano a trovare mai nulla.
Trascorsero diversi anni e l’uomo si arricchì in modo colossale, finché un bel giorno decise di ritirarsi dagli affari e trasferirsi in un altro paese.
Trascorsi molti anni, un giorno s’imbatté in uno dei vecchi doganieri ormai fuori servizio, che tutto incuriosito gli chiese: «Ora che non hai più nulla da temere, puoi finalmente dirmi che diavolo contrabbandavi?»
«Muli», rispose l’uomo.

– tratta da: Gianluca Magi, 101 burle spirituali, Presentazione di Alejandro Jodorowsky, Sperling & Kupfer, 2020: https://amzn.to/32YsdOv

0 Responses to “Il contrabbandiere”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: