Perché nella storia del mondo da Oriente a Occidente l’Eroe che è in noi ha sempre sentito la necessità di intraprendere un viaggio alla scoperta di se stesso?


Perché rientra nelle possibilità di ognuno riconoscere i valori della propria vita, che non sono confinati esclusivamente alla cura del corpo e alle preoccupazioni quotidiane. Un uomo degno di questo nome deve dedicarsi ad acquisire ciò che è strettamente necessario per non dipendere da nessuno; ma se, raggiunta tale condizione, perde tempo per aumentare la sua ricchezza è un poveraccio. Per “ricchezza” intendo il peso morto delle cose materiali appassionatamente erette a divinità.
Da sempre, da Gilgamesh ai giorni nostri, l’Eroe mitico, questo archetipo che portiamo in grembo, presto o poi, ha avuto la sensazione che qualcosa lo chiamasse a percorrere una certa strada, richiamato all’avventura come colpito con la forza di un’annunciazione: Ecco quello che devo fare, ecco il motivo per cui sono vivo, ecco perché il mondo vuole che io esista, ecco quello che devo avere. Ecco chi sono. È come un richiamo ad essere sveglio, a trarsi fuori dal sonno collettivo e a non ricadere nella palude dell’inquieto sogno quotidiano dell’uomo comune……

0 Responses to “Perché nella storia del mondo da Oriente a Occidente l’Eroe che è in noi ha sempre sentito la necessità di intraprendere un viaggio alla scoperta di se stesso?”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: