Dialogo con mio figlio


Qualche giorno fa, dopo la lettura dello Straniero misterioso di Mark Twain, Cristoforo, mio figlio di nove anni, vuole provocarmi: «Papà, che effetto fa leggere un racconto di uno che scrive molto meglio di te?».
«Un bell’effetto! Tanta bravura e bellezza sono uno stimolo per migliorarmi, per evolvermi. Preferisco sentirmi un nano di fronte a un gigante che un gigante di fronte a un nano».

1 Response to “Dialogo con mio figlio”


  1. 1 Patrick 13 dicembre 2011 alle 14:02

    quando è l’umiltà che fà la grandezza ^_^


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: